Come si valuta un buon vino?

Degustazione vino

Quando occorre acquistare un buon vino l’attenzione prima di comprare è tutta sulla qualità. E lo stesso dicasi anche quando l’obiettivo è quello di comprare vino online. Ed allora, come si valuta un buon vino? Ovverosia, per esempio, come riconoscere un buon vino dalla bottiglia? Quali sono i vini buoni a poco prezzo? E quali sono caratteristiche di un buon vino? Ed ancora, qual è il vino buono da regalare, qual è il vino buono supermercato da acquistare? Come riconoscere un buon vino dall’etichetta? Come come capire se il vino è andato a male? Ed infine, chi valuta vini?

Come si valuta un buon vino, si parte dall’etichetta

Ebbene, a riguardo la prima cosa da fare è quella di controllare e leggere tutte le informazioni che sono presenti nell’etichetta che, per il vino, rappresenta in tutto e per tutto una sorta di carta di identità. In particolare, nell’etichetta di vendita del vino è presente non solo l’annata, ma anche ogni informazione utile su come è avvenuta la vinificazione, la maturazione e l’affinamento della bevanda.

Come si valuta un buon vino, dal tappo al luogo di acquisto

Il luogo d’acquisto ideale per un buon vino è rappresentato dall’enoteca in quanto è dove la bevanda viene conservata con l’obiettivo di mantenere nel tempo le sue qualità organolettiche. Per quel che riguarda invece il tappo, quello di sughero è di norma da scegliere e preferire rispetto a quello di plastica che, pur tuttavia, in linea di massima va bene ma solo per quei vini che vanno consumati in un periodo breve. Attenzione inoltre a scegliere un buon vino in funzione dell’abbinamento a tavola, il che significa che i vini bianchi sono preferibili con il pesce, e quelli rossi e strutturati per i piatti più sostanziosi a partire da quelli che sono a base di carne.

Come si valuta un buon vino, il rapporto tra la qualità ed il prezzo

Il rapporto tra la qualità ed il prezzo individua uno dei fattori chiave che sono legati alla corretta valutazione di un buon vino. A tal fine la qualità di un vino può essere valutata direttamente in etichetta in quanto ci sono vini IGT, ovverosia a Indicazione Geografica Tipica, vini DOC, a Denominazione di  Origine Controllata, ed i DOGC che sono vini Denominazione di  Origine Controllata e Garantita. Anche per questo, per chi non è un esperto è bene farsi consigliare in enoteca al fine di scegliere un buon vino di qualità e nello stesso tempo tale da non portare a spendere oltre il budget prefissato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *