Tornitura metalli: il controllo dell’usura degli utensili

Tornio tornitura metalli

La tornitura metalli è una procedura di lavorazione che può avere dei costi anche molto elevati. Fra i metodi utilizzati per contenerli, e poter quindi offrire alla clientela del lavori a prezzi competitivi, ha un ruolo particolarmente importante il contenimento dell’usura degli utensili. È ormai infatti fondamentale per tutte le aziende riuscire a trovare un metodo che permetta di limitare i costi, lasciando però immutata la qualità finale delle lavorazioni; soltanto in questo modo è possibile combattere la costante erosione dei margini di guadagno legata alla concorrenza sempre più intensa.

Per farci dare qualche dritta su come sia possibile controllare questo importante parametro, ci siamo rivolti a degli esperti nel campo della tornitura metalli, ossia gli specialisti di Officine Bosaia, un’azienda di grande rilevanza nel settore; ci è stato spiegato che la tecnica principale per limitare l’usura degli utensili è la corretta regolazione dei tre parametri di taglio.

I parametri di taglio

I parametri di taglio, in tornitura, sono tre: la velocità, l’avanzamento, e la profondità di passata. Mantenerli controllati permette di ridurre in maniera significativa il livello di usura dell’utensile, aumentandone la vita utile e quindi diminuendo i costi di manutenzione e sostituzione. Fortunatamente, i macchinari industriali che oggi vengono utilizzati nell’industria permettono un’accuratissima regolazione di tutti i parametri relativi al proprio funzionamento, e rendono quindi possibile effettuare le calibrazioni più utili per ottenere, a parità di qualità del lavoro finito, un consumo ridotto degli utensili stessi.

La velocità

Il rischio, con la velocità di taglio, è che questa sia troppo bassa: quando questo accade c’è un calo sensibile della durata dei taglienti, che si traduce nella necessità di sostituirli più di frequente e quindi, com’è facile immaginare, in un aumento dei costi di manutenzione. In generale, durante la tornitura dei metalli è sempre opportuno mantenere la velocità di taglio al massimo: questo peraltro ottimizza sia la finitura superficiale che i tempi ciclo, impedendo eccessive deformazioni dell’utensile stesso.

La profondità di passata

Anche nel caso della profondità di passata è possibile che un’errata regolazione generi stress, temperature e vibrazioni deleterie per l’utensile di taglio. Sottoposto a questo genere di sollecitazioni, l’utensile diventa particolarmente passibile di danneggiamenti e rotture, e presenta comunque un’usura eccessiva che ne compromette la perfetta funzionalità prima del tempo. In questo caso non è possibile dare un’indicazione generale: la profondità va regolata in modo da non essere né troppo bassa – altrimenti le temperature salirebbero troppo, causando deformazioni – né troppo elevata, il che invece genererebbe, per via delle eccessive sollecitazioni, un alto rischio di rottura dell’inserto.

La velocità di avanzamento

Per quanto riguarda il parametro della velocità, l’entrata nel pezzo da tornire deve sempre essere graduale. Qualsiasi aumento di velocità deve essere quindi calibrato per verificarsi lentamente nello svolgersi del lavoro; è infatti importante raggiungere una velocità che risulti nella formazione di trucioli più corti possibile, e di elevata rigidità così da favorirne la rottura spontanea.

Le aziende che necessitino di una consulenza specialistica per la tornitura metalli possono prendere contatto con le Officine Bosaia di Uboldo, che vantano cinquant’anni di esperienza sul campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *