Telecamere private senza l’autorizzazione di videosorveglianza

Telecamera videosorveglianza

Per installare un sistema di videosorveglianza nella propria abitazione non serve richiedere nessuna autorizzazione, a patto si seguano alcune regole.

Videosorveglianza: chi può installarla?

Sentirsi sicuri in casa propria è un diritto, quindi l’esigenza di installare delle telecamere di sorveglianza per la propria tutela, è una necessità. Individuare malviventi e atti vandalici nella propria casa o proprietà è importante, ma molti si chiedono: servono delle autorizzazioni? Con il drep/ac/113990 del 7 marzo 2017, il Garante alla Privacy ha stabilito che chiunque può installare un circuito di videosorveglianza senza chiedere consensi, a patto che si rispettino alcune condizioni.

Condizioni da rispettare

Un privato può installare un servizio di videosorveglianza nella sua proprietà, senza richiedere autorizzazioni di nessun genere ma deve rispettare questi limiti:

  • Le telecamere non devono essere indirizzate su passaggi pubblici. Se, ad esempio, la telecamera controlla la porta d’ingresso, non deve inquadrare gli accessi dei vicini di casa, così come se viene posizionata all’esterno, non deve riprendere strade, spazi pubblici, o muri di altri proprietari;
  • Se, per caso, questo non fosse possibile, la ripresa dovrebbe essere mirata ad inquadrare il pavimento e le scarpe delle persone. Se l’impianto prevede la videoregistrazione, oltre alle regole appena citate, bisogna ricordare che le immagini non possono essere assolutamente diffuse a terzi. Se non si possono applicare queste regole, bisogna ricorrere a tutte le autorizzazioni e al trattamento dei dati personali;
  • Se la proprietà, oltre all’abitazione, è composta anche da un giardino o garage, la normativa per mettere le videocamere in queste zone è sempre la stessa: non deve riprendere zone pubbliche.

Come procedere per l’acquisto

Le marche sistemi di sicurezza sono molte quindi è bene rivolgersi a professionisti del settore che sapranno sicuramente fornire tutte le informazioni necessarie all’installazione, normativa, modelli e servizi di sistemi di sicurezza. La videosorveglianza, ad esempio, è molto valida se abbinata anche ad un allarme collegato servizio di vigilanza che, in caso di anomalia o intrusione potrà intervenire immediatamente. Esistono anche dei kit di allarmi  che si possono installare da soli a sono forniti di sensori, videocamere e centraline con connessione Wi-Fi, quindi tutto molto pratico da installare e sicuro.

Per tutelare al massimo la sicurezza della propria famiglia e della proprietà, si possono abbinare a videosorveglianza e impianto antifurto, una serie di antifurti passivi come  inferriate alle finestre e porte finestre, vetri antisfondamento e porte blindate. Certo, potrebbe sembrare di vivere in un carcere, ma la sicurezza nella propria dimora è fondamentale, quindi meglio tutelarsi con tutti i mezzi possibili: passivi e attivi. Anche la professionalità e la serietà della ditta a cui vi rivolgete gioca un ruolo fondamentale sulla vostra sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *