Energie rinnovabili fotovoltaico

Fotovoltaico

In un mondo, quello moderno, sempre più inquinato e vittima di catastrofi naturali, il bisogno delle persone (e dei Governi) di trovare soluzioni più ecologiche è in costante crescita.

Molto interesse è concentrato anche sull’aspetto dell’energia, fonte insostituibile nella vita e nel lavoro di milioni di persone. Esiste una parola molto importante per quanto riguarda le cosiddette energie rinnovabili: fotovoltaico.

L’effetto fotovoltaico si ha nel momento in cui la radiazione solare attraversa un certo tipo di materiale ovvero un semiconduttore (ad esempio il silicio cristallino). Grazie a questa specifica tecnologia possiamo accendere la lampadina di camera grazie solamente alla semplice (ma molto potente) energia solare.

I sistemi fotovoltaici possono essere molto potenti ed alimentare i dispositivi elettrici delle nostre abitazioni e delle aziende.

In generale bisogna dire che, al momento, non è possibile rinunciare totalmente all’uso della normale rete elettrica pur avendo un impianto fotovoltaico in casa. Tuttavia possono sostituire in molti momenti la rete elettrica.

Come funziona il sistema fotovoltaico?

Negli impianti ci sono delle piccole celle fotovoltaico in silicio amorfo, sono quindi in grado di fornire un’energia costante durante le ore diurne. Questa energia confluisce quindi nel sistema  del gestore elettrico.

Mentre l’utenza elettrica viene misurata in KW, l’energia degli impianti fotovoltaici viene espressa in KW/p ovvero chilowatt di picco. Questo valore indica la potenza massima raggiunta dai moduli dell’impianto mentre assorbono i raggi solari.

Stabilire un prezzo fisso per un impianto fotovoltaico è impossibile, tanti infatti sono i fattori che determinano il costo effettivo, fattori quali il clima, i consumi medi stimati, il budget che si ha a disposizione ed il luogo nel quale l’impianto verrà installato.

Dove vengono installati gli impianti fotovoltaici?

La maggior parte delle volte i pannelli vengono montati sopra il tetto anche per assorbire più energia solare possibile. Vengono comunque montati anche a terra o su un terrazzo. E’ anche possibile che un intero condominio decida di dotarsi, previa autorizzazione in sede di assemblea condominiale ed a seguito della produzione e consegna di tutta la documentazione necessaria, di un proprio impianto fotovoltaico.

La tendenza attuale è sicuramente verso l’autoconsumo e, di conseguenza, di una maggiore richiesta di microimpianti destinati all’uso residenziale.

Se quindi stai pensando di installare un impianto fotovoltaico per la tua abitazione potrai avvalerti di alcune agevolazioni. Sono previste, infatti, detrazioni del 50% proprio sugli interventi che vengono attuati per il risparmio energetico. Le stesse detrazioni sono previste anche per le ristrutturazioni edilizie.

La soluzione migliore, sia da un punto di vista della convenienza economica che della maggiore reperibilità sul mercato, è scegliere un impianto fotovoltaico che riesca ad immagazzinare l’energia accumulata anche in eccesso. In questo modo sarà possibile servirsene anche in un secondo momento e non solo nell’immediato.

In questo modo potrai farti una bella doccia calda la sera prima di andare a letto grazie proprio all’accumulo dell’energia solare avvenuto durante il giorno.

E’ possibile quindi, in questo caso, utilizzare ancora meno o addirittura per niente la rete energetica normale con un significativo risparmio sulla bolletta. Ed anche l’ambiente ringrazia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *