Cosa fare quando Android non accetta il PIN

android non accetta pin

I modi per proteggere il nostro smartphone con Android sono molteplici. Possiamo usare password, crittografia e PINS. I PIN sono essenzialmente delle password, ma sono basati su una serie di numeri che vanno ad un minimo di 4. Queste possono essere settate nella scheda SIM oppure nel sistema operativo Android.

Pin android

Il PIN di Android però rischia di corrompersi in alcuni casi, cominciando a negare qualsiasi numero che immettiamo. Può essere quello giusto, ma il sistema operativo lo negherà lo stesso. Come possiamo procedere, ora che siamo tagliati fuori dal nostro cellulare?

La maggior parte dei casi da la colpa a TWRP per questo problema. Se infatti avete eseguito un backup del vostro cellulare mentre la sua memoria era criptata, il risultato è semplice: il PIN può finire corrotto. Cominciate perciò ad entrare in TWRP aprendo il Recovery. Quando TWRP verrà aperto vi verrà richiesto di nuovo il PIN, ma stavolta inserite la parola default_password. Questo vi farà entrare lo stesso, sempre che non abbiate modificato anche questo aspetto. In tal caso, cercate di ricordarvi la password universale.

Andate in Advanced, quindi in File Manager e cercate d’entrare nella cartella Data e poi System. Adesso quel che dovete cercare sono due file .Key: password.key e pattern.key. Cercate anche i file chiamati Locksettings.db,db-shm e db-wal. Eliminateli o meglio, spostateli altrove.

Riavviate il vostro smartphone. Una volta riavviato noterete una richiesta da parte di SuperSU (o del vostro programma di Root) per un installazione. Rifiutatela. Vi verrà richiesto lo stesso il PIN: cercate d’inserire il numero a partire da quello più recente  e se siete fortunati vi verrà ridato il controllo del cellulare. Andate nelle impostazioni e resettate il PIN inserendone uno nuovo, così da fare in modo che i files verranno ricreati correttamente.

E ricordatevi, la prossima volta decriptate prima il vostro cellulare e poi effettuate il backup. Poi criptatelo nuovamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *